Bagaglio perso con Emirates? Ottieni un risarcimento

Bagaglio perso con Emirates?

A moltissimi viaggiatori è capitato almeno una volta di trovarsi in aeroporto, arrivati finalmente a destinazione, scoprono che il proprio bagaglio è rimasto a terra.

In questi casi puoi chiedere un risarcimento alla compagnia. Continua a leggere l’articolo per approfondire la questione.

Emirates (in arabo الإمارات al-Imārāt) è la compagnia aerea di bandiera dell’Emirato Arabo di Dubai con base a Dubai. Fa parte del The Emirates Group che è di proprietà del Governo di Dubai. È la più grande compagnia del medio oriente, con più di 3.000 collegamenti settimanali operati dall’hub Aeroporto Internazionale di Dubai (DXB) verso 161 destinazioni in 6 continenti.

 

Cosa fare in caso di bagaglio perso con Emirates?

In caso di bagaglio perso con Emirates, è molto importante compilare un rapporto/denuncia presso gli sportelli “Lost and found” presenti nell’aeroporto, utilizzando i moduli predisposti detti PIR (Property Irregularity Report).

Qualora il bagaglio risulti smarrito, entro 21 giorni dalla consegna del PIR, oppure entro 21 giorni dalla riconsegna del bagaglio, per interrompere la prescrizione, bisogna inviare a mezzo raccomandata o PEC una richiesta alla compagnia aerea, quantificando e documentando il danno, allegando scontrini, ricevute e tutto ciò che può attestare quanto sostenuto a causa della perdita del bagaglio.

 

Quant’è il massimo del risarcimento che posso ottenere?

In tal caso, il passeggero può aver diritto ad un risarcimento massimo di 1.131 DSP (circa 1.388 euro). Nel caso in cui la compagnia non fosse dell’Unione Europea o di un paese che non aderisce alla Convenzione di Montreal, si applica la Convenziona di Varsavia ed il limite è di 17 DSP (circa 19 euro) al Kg.

 

Come ottenere il risarcimento per il tuo bagaglio perso con Emirates?

Innanzitutto, per verificare se la tua richiesta è procedibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia eleggibile, potrai decidere se proseguire autonomamente con la richiesta, oppure, affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo bagaglio perso con Emirates.

Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

Overbooking con Volotea? Ottieni un indennizzo

Hai subito un overbooking con Volotea e sei arrivato a destinazione con più di tre ore di ritardo? Puoi chiedere un risarcimento alla compagnia! Continua a leggere l’articolo per approfondire.

Prima di tutto Volotea S.L. è una compagnia aerea low cost spagnola con sede a Barcellona. È stata fondata nel 2011 da Carlos Muñoz e Lázaro Ros, ex fondatori di Vueling.

Dal suo primo volo, Volotea ha raggiunto il traguardo dei 14 milioni di passeggeri trasportati, totalizzando più di 4,7 milioni di passeggeri nel 2017. Infine, è tra le dieci compagnie aeree al mondo che hanno lanciato il maggior numero di rotte nel 2017.

 

Cosa indica la carta dei diritti del passeggero quando si verifica un overbooking con Volotea?

Nel caso si verifichi un overbooking con Volotea, la normativa comunitaria suggerisce precise forme di tutela per i passeggeri, qualora vi sia un negato imbarco.
Ovvero, la compagnia deve prima verificare se, tra i passeggeri, ci siano dei volontari disposti a cedere il proprio posto in cambio di benefici da concordare.

Se non ci sono volontari, il passeggero a cui viene negato l’imbarco, ha diritto a:

  1. 1) € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;

2) € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;

3) € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

Oltre alla scelta tra le seguenti tre opzioni:

a) Rimborso del prezzo del biglietto non goduto; 

b) Imbarco su un volo alternativo il prima possibile in relazione all’operativo della compagnia aerea; 

c) Imbarco su un volo alternativo in una data successiva più conveniente per il passeggero.

 

Quando il tuo overbooking con Volotea non è risarcibile?

Non è previsto alcun indennizzo a chi:

  • – Viaggia in forma gratuita o ad una tariffa ridotta non accessibile, direttamente o indirettamente, al pubblico (ad esempio i dipendenti delle compagnie aeree, delle agenzie di viaggio o dei tour operator); 
  • – Ai passeggeri ai quali viene negato l’imbarco per motivi di salute, di sicurezza o in caso di documenti di viaggio non validi.

 

Come ottenere il risarcimento?

Innanzitutto, per verificare se la segnalazione è procedibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se continuare autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo overbooking con Volotea.

Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da più di dieci anni a difesa dei passeggeri.

Volo cancellato KLM? Ottieni un rimborso

Hai subito un volo cancellato KLM ed hai sentito parlare della possibilità di poter chiedere un rimborso alla compagnia in queste determinate situazioni?

Certo che puoi! Continua a leggere l’articolo e approfondisci la questione.

Prima di tutto dobbiamo dire che KLM (acronimo olandese per Koninklijke Luchtvaart Maatschappij, in italiano “Compagnia Reale d’Aviazione”) è la prima compagnia aerea di bandiera dei Paesi Bassi. E quest’ultima possiede come unico hub l’aeroporto di Amsterdam-Schiphol.

Nel settembre 2003, è stata assorbita da Air France dando vita al gruppo Air France-KLM.

 

Quali tutele prevede la normativa comunitaria quando si verifica un volo cancellato KLM?

Nel caso si verifichi un volo cancellato KLM, la Carta dei Diritti del Passeggero determina che ogni passeggero abbia il diritto di ricevere un giusto rimborso.
Quanto spetta ai passeggeri? Ogni viaggiatore può ottenere:

  1. a) € 250,00 di rimborso per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;
  2. b) € 400,00 di rimborso per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;
  3. c) € 600,00 di rimborso per le tratte superiori ai 3.500 km.

Tale risarcimento spetta nel caso in cui KLM non ti abbia avvisato della cancellazione con almeno 14 giorni di preavviso oppure non ti abbia proposto entro 7 giorni dalla data di partenza, un volo alternativo per raggiungere la tua destinazione finale.

 

Se il tuo volo cancellato KLM è stato conseguenza di circostanze eccezionali, puoi avere lo stesso diritto ad un rimborso?

Se il volo è stato cancellato a causa di circostanze eccezionali dimostrate dalla compagnia, purtroppo il risarcimento non è previsto ma comunque il vettore è tenuto a riproteggerti sul primo volo disponibile o in alternativa a rimborsarti il prezzo del volo non goduto, oltre che a pagare eventuali spese extra sostenute a seguito della cancellazione (hotel, pasti e bevande, transfer da/per l’aeroporto, differenza di prezzo sostenuta per l’acquisto del nuovo volo, ecc..).

 

Come ottenere il rimborso?

Prima di tutto, per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul sito.

Qualora la richiesta sia procedibile, potrai decidere se agire autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo volo cancellato KLM, attivando la tua pratica in pochi minuti, senza correre alcun rischio. Inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da molti anni a difesa dei passeggeri.

Ritardo volo Tap Portugal? Ottieni un risarcimento

Hai avuto un ritardo volo Tap Portugal e vorresti chiedere un giusto risarcimento alla compagnia per il disagio subito?

Fai bene! Se intendi approfondire la questione, continua a leggere l’articolo.

Prima di tutto dobbiamo dire che TAP Portugal (Transportes Aéreos Portugueses) è la prima compagnia aerea di bandiera portoghese. Nasce nel marzo 1945 come società di servizio pubblico e si trasforma in società a capitale misto nel 1953, con la pubblica amministrazione quale socio di maggioranza. E’ sicuramente una dei più conosciuti tra i vettori di linea. 

Ma attenzione, non è tutto oro quel che luccica! Infatti questa compagnia è considerata anche l’ottava meno puntuale secondo L’OAG nel 2018 (a maggio) con solo il 58.1% partiti in orario (entro 15 minuti dopo la partenza prevista).

 

Quale normativa viene applicata quando si verifica un ritardo volo con Tap Portugal?

In caso di ritardo volo Tap Portugal superiore alle 3 ore, il Reg. Europeo CE 261/2004 specifica chiaramente che ogni passeggero ha diritto a ricevere un giusto indennizzo per il disagio subito.
Più precisamente ogni viaggiatore può ottenere:

  1. a) € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;
  2. b) € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;
  3.  
  4. c) € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

 

Come posso ottenere il risarcimento?

Innanzitutto per verificare se la richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la segnalazione sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il ritardo volo Tap Portugal subito. La tua pratica verrà attivata in pochi minuti, senza correre alcun rischio; inoltre potrai usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

In ogni caso, siamo a tua disposizione!

4 destinazioni per Ferragosto 2019

Tra circa venti giorni, sarà Ferragosto. Perché non approfittare di questi pochi giorni che rimangono per organizzare una bella vacanza ad hoc e passare una settimana o un week-end di meritato relax o divertimento? Ecco che per l’occasione vi abbiamo preparato una piccola lista delle 4 destinazioni per Ferragosto 2019.

 

1. Puglia

Negli ultimi anni questa regione, in particolare il Salento, sta diventando la “Ibiza italiana” in grado di competere anche con la riviera romagnola. La Puglia offre soluzioni per qualsiasi tipo di turista, grazie ai tanti B&B, villaggi, hotel e appartenenti in affitto.

Qui troverete famiglie in cerca di relax e giovani che dormono di giorno per vivere appieno la notte, un’atmosfera veramente suggestiva. Unico neo, l’affollamento delle spiagge.

 

2. Rimini

E’ considerata una delle soluzioni migliori per le famiglie con bambini, per via della presenza di moltissimi hotel, anche a prezzi competitivi. Il divertimento c’è ma in questa parte della riviera il target di riferimento sono gli over 30, i più giovani infatti preferiscono Riccione e Gabicce. Il punto debole di Rimini è sicuramente la qualità del mare, inferiore rispetto alla Puglia o altre bellissime coste della nostra penisola.

 

3. Spagna

La Spagna è una delle mete più quotate tra le 4 destinazioni per Ferragosto 2019 all’estero. Le mete più rinomate sono sicuramente Ibiza, le Canarie e le Baleari in generale, ma sono anche le più costose. Se volete risparmiare su voli e alloggi, vi conviene andare nella zona di Barcellona, per esempio a Lloret del mar, oppure potrete dirigervi verso qualche località meno conosciuta più vicina a Malaga.

 

4. Grecia

La Grecia è una meta molto rinomata tra gli studenti universitari, che la scelgono apposta per rilassarsi dopo gli esami, ma la stessa cosa riguarda anche i neo-diplomati. Ad ogni modo, le tante isole della Grecia offrono divertimento e relax un po’ per tutti, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

 

Dopo aver letto questa nostra piccola guida sulle 4 destinazioni per Ferragosto 2019, a questo punto non vi resta che scegliere la destinazione che più vi attrae ed iniziare a preparare le valigie! Anche per questo potrebbe interessarvi leggere il nostro articolo sui 4 accessori indispensabili per viaggiare.

Buon viaggio!

Bagaglio smarrito/danneggiato volo Air France

Bagaglio smarrito/danneggiato su volo Air France? A moltissimi viaggiatori è capitato almeno una volta di trovarsi in aeroporto, arrivati finalmente a destinazione, scoprono che il proprio bagaglio è stato danneggiato o addirittura è rimasto a terra. In questi casi puoi chiedere un risarcimento alla compagnia. Continua a leggere l’articolo per approfondire la questione.

 

Air France è la prima compagnia aerea della Francia, nonché la seconda d’Europa e l’ottava del mondo per passeggeri trasportati secondo la IATA. Con la fusione insieme alla compagnia olandese KLM, ha dato vita da poco al gruppo Air France-KLM.

 

Cosa fare in caso di bagaglio smarrito/danneggiato su un volo Air France?

In caso di bagaglio smarrito/danneggiato con un volo Air France, è molto importante compilare un rapporto/denuncia presso gli sportelli “Lost and found” presenti nell’aeroporto, utilizzando i moduli predisposti detti PIR (Property Irregularity Report).

 

DANNEGGIAMENTO

Qualora il bagaglio risulti danneggiato, entro 7 giorni dalla consegna del PIR, dev’essere inviata a mezzo raccomandata o PEC una richiesta di risarcimento alla compagnia aerea, quantificando e documentando il danno, allegando ovviamente una copia del PIR.

 

SMARRIMENTO

Se invece il bagaglio risulti smarrito, entro 21 giorni dalla consegna del PIR, oppure entro 21 giorni dalla riconsegna del bagaglio, per interrompere la prescrizione, bisogna inviare a mezzo raccomandata o PEC una richiesta alla compagnia aerea, quantificando e documentando il danno, allegando scontrini, ricevute e tutto ciò che può attestare quanto sostenuto a causa della perdita del bagaglio.

 

LIMITE DEL RISARCIMENTO

In entrambi i casi che vi abbiamo indicato (bagaglio smarrito/danneggiato su volo Air France), il passeggero ha diritto ad un risarcimento massimo di 1.131 DSP (circa 1.388 euro), in caso di compagnie aeree dell’Unione Europea e dei Paesi che aderiscono alla Convenzione di Montreal.

Se la compagnia è invece di un Paese che non aderisce alla convenzione di Montreal, si applica la Convenziona di Varsavia ed il limite è di 17 DSP (circa 19 euro) al Kg.

 

Come ottenere il risarcimento per il tuo bagaglio smarrito/danneggiato su un volo Air France?

Innanzitutto, per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo bagaglio smarrito/danneggiato.

Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

Overbooking volo easyJet? Ottieni un risarcimento

Hai subito un overbooking volo easyJet e sei arrivato con più di tre ore di ritardo a destinazione? Puoi chiedere un risarcimento alla compagnia! Continua a leggere l’articolo per approfondire la questione.

Prima di tutto la easyJet Airline Company Limited è una compagnia aerea low cost britannica, conosciuta ufficialmente in tutto il mondo come easyJet.

Quest’ultima ha sede presso l’aeroporto di Londra-Luton (Gran Bretagna) e numerose basi d’armamento sia nel Regno Unito (la maggiore è sull’aeroporto di Londra-Gatwick) che in diversi paesi della Unione europea. In base al numero di passeggeri trasportati, easyJet è la terza compagnia aerea low cost più grande al mondo.

 

Cosa indica la carta dei diritti del passeggero quando si verifica un overbooking su un volo easyJet?

Nel caso si verifichi un overbooking volo easyJet, la normativa comunitaria indica precise forme di tutela per i passeggeri, qualora vi sia un negato imbarco.
Ovvero, la compagnia deve prima verificare se vi siano tra i passeggeri, dei volontari disposti a cedere il proprio posto in cambio di benefici da concordare.

Se non ci sono volontari, il passeggero al quale viene negato l’imbarco, ha diritto a:

  1. 1) € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;
  2. 2) € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;
  3. 3) € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

Oltre alla scelta tra le seguenti tre opzioni:

  • a) Rimborso del prezzo del biglietto non goduto;
  • b) Imbarco su un volo alternativo il prima possibile in relazione all’operativo della compagnia aerea;
  • c) Imbarco su un volo alternativo in una data successiva più conveniente per il passeggero.

 

Quando il tuo overbooking volo easyJet non è risarcibile?

Non è previsto alcun risarcimento a chi:

  • – Viaggia in forma gratuita o ad una tariffa ridotta non accessibile, direttamente o indirettamente, al pubblico (ad esempio i dipendenti delle compagnie aeree, delle agenzie di viaggio o dei tour operator);
  • – Ai passeggeri a cui viene negato l’imbarco per motivi di salute, di sicurezza o in caso di documenti di viaggio non validi.

 

Come ottenere il risarcimento?

Innanzitutto, per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo overbooking volo easyJet.

Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

 

Volo cancellato Vueling? Ottieni un risarcimento

Hai subito un volo cancellato Vueling ed hai sentito parlare della possibilità di poter chiedere un risarcimento alla compagnia in queste determinate situazioni?

Certo che puoi! Continua a leggere l’articolo per approfondire la questione.

Prima di tutto dobbiamo dire che Vueling è una compagnia aerea low cost spagnola di International Airlines Group con sede a El Prat de Llobregat. In totale opera su più di 360 rotte per 155 destinazioni in Europa, Nord Africa e Medio Oriente.

Il suo nome deriva dalla parola spagnola vuelo, che in spagnolo significa “volo”, e dal suffisso inglese -ing, traducibile all’italiano “-ndo”, che viene usato nella lingua anglosassone solitamente per porre i verbi al gerundio, ovvero “volando”.

 

Cosa indica la carta dei diritti del passeggero quando si verifica un volo cancellato con Vueling?

Nel caso si verifichi un volo cancellato Vueling, la Carta dei Diritti del Passeggero indica chiaramente che ogni passeggero ha diritto a ricevere un giusto indennizzo.
Quanto spetta ai passeggeri? Ogni viaggiatore può ottenere:

  1. 1. € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;

2. € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;

3. € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

Tale risarcimento spetta nel caso in cui Vueling non ti abbia avvisato della cancellazione con almeno 14 giorni di preavviso oppure non ti abbia proposto entro 7 giorni dalla data di partenza, un volo alternativo per raggiungere la tua destinazione finale.

 

Se il tuo volo cancellato Vueling è stato causato da circostanze eccezionali, puoi avere lo stesso diritto ad un risarcimento?

Qualora il tuo volo dovesse essere cancellato a causa di eventi eccezionali indipendenti dalla compagnia, purtroppo il risarcimento non è previsto. Ad ogni modo il vettore è tenuto a riproteggerti sul primo volo disponibile o in alternativa a rimborsarti il prezzo del volo non goduto, oltre che a pagare eventuali spese extra sostenute a seguito della cancellazione (hotel, pasti e bevande, transfer da/per l’aeroporto, differenza di prezzo sostenuta per l’acquisto del nuovo volo, ecc.).

 

Come ottenere il risarcimento?

Prima di tutto, per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo volo cancellato Vueling. Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

Ritardo volo Ryanair? Ottieni un risarcimento

Hai subito un ritardo volo Ryanair ed hai sentito dire da altre persone che esiste una possibilità di poter chiedere un risarcimento alla compagnia in queste determinate situazioni?

Hanno ragione, se vuoi approfondire la questione, continua a leggere l’articolo.

Prima di tutto dobbiamo dire che Ryanair è la più grande compagnia aerea low cost in Europa, con oltre 130 milioni di clienti e più di 2.000 voli giornalieri da 86 basi, che collegano 215 destinazioni in 37 paesi su una flotta di 430 aerei Boeing 737.

La low cost irlandese ha un team di circa 14.500 dipendenti e nel 2017 è diventata la prima compagnia aerea europea ad aver trasportato oltre 1 miliardo di passeggeri.

Ma attenzione, non è tutto oro quel che luccica, infatti il vettore irlandese è anche stato nominato per ben sei volte come la compagnia aerea meno amata dai passeggeri in europa, questo a causa dei tantissimi disservizi arrecati ai suoi passeggeri.

 

Cosa indica la carta dei diritti del passeggero quando si verifica un ritardo volo con Ryanair?

In caso di un ritardo volo Ryanair pari o superiore alle 3 ore, il Regolamento Europeo n. 261/2004 indica chiaramente che ogni passeggero ha diritto a ricevere un giusto indennizzo.
Più precisamente quanto spetta ai passeggeri? Ogni viaggiatore può ottenere:

  • 1. € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;
  • 2. € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;
  • 3. € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

 

Come ottenere il risarcimento?

Innanzitutto per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il ritardo volo Ryanair subito. Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

In ogni caso, siamo a tua disposizione!

Le 4 spiagge più belle del mondo

E’ arrivata ufficialmente l’estate e tra le tante classifiche più famose, non poteva mancare anche quella relativa alle spiagge più belle del pianeta. Proprio per questo, abbiamo preparato una classifica delle 4 spiagge più belle del mondo. Valutazione fatta non soltanto prendendo in considerazione i colori del mare e della sabbia, ma anche la natura circostante, il paesaggio e l’intero contesto.

 

1. Anse Source D’Argent (La Dingue, Seychelles)

Al primo posto abbiamo scelto di premiare la spiaggia di Anse Source D’Argent, nell’arcipelago di La Dingue delle Seychelles, nell’Oceano Indiano; è anche una delle più famose e fotografate al mondo. Enormi massi granitici, brillano in contrasto con il colore dell’acqua cristallina e la sabbia bianca, è senza dubbio la più famosa tra le 4 spiagge più belle e incontaminate del mondo.

 

2. Spiaggia dei conigli, Lampedusa (Sicilia)

Al secondo posto in classifica tra le 4 spiagge più belle del mondo, troviamo una spiaggia situata in una piccola isola a sud della Sicilia: la Spiaggia dei Conigli a Lampedusa. E’ una baia spettacolare, con acque cristalline, circondate interamente da un scogliera molto bassa che accoglie la flora e la fauna tipica del Mediterraneo.

 

3. Grace Bay (Providenciales)

Isola di un arcipelago del mar dei Caraibi, Providenciales accoglie a nostro avviso la terza spiaggia più bella del mondo. Il fascino di quest’ultima risiede soprattutto nelle sue colline frastagliate, tappezzate di piante di fico d’india; ma la carta vincente resta senz’altro il suo paesaggio marino, con chilometri e chilometri di barriere coralline che si possono osservare anche vicino alla riva.

 

4. Whiteheaven Beach (Australia)

Al quarto posto, c’è il paradiso bianco come dice anche il nome, una magnifica spiaggia situata nel Queensland, in Australia, con ben 7 km di costa di sabbia bianca, (grazie all’alta percentuale di silicio, quasi il 98%). Quest’ultimo rende la sabbia di un colore quasi bianco brillante.

 

Questa era la nostra classifica delle 4 spiagge più belle del mondo, tra le quali (senza dubbio), potrebbe anche esserci la vostra prossima futura meta di in una delle vostre vacanze da sogno. Nel frattempo, se già vi abbiamo convinto a prenotare il prossimo viaggio ma vi state ricordando che avete paura di volare e che quindi è meglio lasciar perdere, beh…leggete questo articolo, abbiamo deciso di crearlo apposta per voi.

Vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost

Negli ultimi anni, anche grazie ad internet, è aumentata a dismisura la schiera di persone in cerca di voli low cost, di conseguenza, insieme ad esse, anche i siti che offrono questa tipologia di offerte. Ovviamente i vettori low cost consentono un notevole margine di risparmio, allo stesso tempo però lo spendere poco presenta anche diverse insidie. Ecco una breve lista dei principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost.

 

VANTAGGI:

 

  1. 1.   Abbattimento dei costi

Già la parola “low cost” dovrebbe dirci tutto. Infatti, il costo di tali voli è decisamente contenuto, sono per la maggior parte delle tariffe popolari, studiate per quella fetta di mercato che cerca di spendere il meno possibile per acquistare un viaggio. Fattore principale da prendere in considerazione, quando si vuole fare un ragionamento sui principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost.

 

2.   Prenotare da qualunque posto in qualunque momento

Grazie ad Internet e alla presenza di innumerevoli siti, ogni utente ha la possibilità di comparare, valutare e scegliere tra le tantissime offerte direttamente da casa, senza vincoli di orario o limitazioni.

 

3.   Ampia scelta di destinazioni

L’offerta di destinazioni messe a disposizione da questi vettori, permette a qualsiasi passeggero di raggiungere quasi tutte le principali mete nazionali ed Europee, in alcuni casi anche internazionali.

 

SVANTAGGI:

 

1.   L’assenza di alcuni servizi

“Prezzi bassi” significa perdere alcuni servizi, come il catering, giornali gratuiti e altre comodità che altrimenti sarebbero comprese nel prezzo dei voli acquistati con le compagnie di bandiera. Un altro particolare svantaggio è sicuramente la tangibile diminuzione dei servizi infrastrutturali per gli aerei.

 

2.   Atterraggio in aeroporti secondari

Quando si osservano i principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost, bisogna mettere in conto che quasi sempre, sia la partenza che l’atterraggio avvengono in aeroporti secondari. Quindi si potrebbe aggiungere al budget del viaggio, anche il costo per arrivare nel centro cittadino.

 

3.   Non rimborsabile o cedibile

Altro importante svantaggio di un volo low cost è che, se non si vuol far innalzare la tariffa con un ulteriore opzione, il biglietto è personale, non cedibile a terzi (se non pagando una penale). Quindi se il passeggero è impossibilitato a partire il giorno stabilito nessun rimborso sarà previsto.

 

Questi erano i principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost; ragionando in termini di paragoni, se si vuole risparmiare qualcosa con il volo, conviene sicuramente prenotare con vettore low cost. Se invece volete avere un servizio completo a 360°, spendendo un po’ di più, scegliete le compagnie di bandiera.

Inoltre per chi fosse interessato, abbiamo preparato anche un articolo sulle 5 città più economiche per viaggiare low cost.

5 consigli per combattere la paura di volare

Molte persone al giorno d’oggi hanno paura di volare e provano ansia al solo pensiero di dover salire su un aereo, questa comunissima paura è anche chiamata con il termine di “aviofobia”. Perciò abbiamo ben pensato di aiutarvi con un articolo dedicato ai nostri 5 consigli per combattere la paura di volare, che potranno senz’altro tornarvi utili.

 

  1. 1.   Arrivare in anticipo in aeroporto

Il giorno del volo cercate di presentarvi in aeroporto con largo anticipo, questo vi permetterà di ambientarvi e fare tutto con calma. Non arrivate in ritardo, così facendo rischiate di accrescere solamente la vostra tensione, oltre che perdere il volo…

 

2.   Preparatevi una playlist su Spotify o film da guardare su Netflix

Potete occupare il vostro tempo in aereo con attività piacevoli: ad esempio ascoltando della buona musica su Spotify oppure guardando uno dei vostri film preferiti su Netflix. Se invece siete poco inclini alla tecnologia, potete comunque leggere un bel libro, che non guasta mai.

 

3.   Informa le hostess

Uno dei nostri 5 consigli per combattere la paura di volare corrisponde anche nel chiedere sostegno ad un assistente di volo, in merito alla vostra “fobia”, quest’ultimo potrà fornirvi una riposta ai vostri interrogativi e sulla sicurezza del vostro volo.

 

4.   Bevi spesso acqua

E’ molto importante cercare di rimanere sempre idratati, bere spesso acqua durante un volo può darvi una mano rimanere tranquilli, evitate tè e caffè: una condizione di stress e di deficit di sonno non può che aumentare la vostra agitazione.

 

Dunque, questi erano i nostri 5 consigli per combattere la paura di volare, applicateli e vi daranno senz’altro una grossa mano. Del resto, cosa c’è di più piacevole che viaggiare e scoprire posti nuovi? Come dite? Non ne siete così convinti? Bene…ecco alcuni Travel Blogger da seguire su Youtube che vi faranno sicuramente cambiare idea.