Overbooking volo easyJet? Ottieni un risarcimento

Hai subito un overbooking volo easyJet e sei arrivato con più di tre ore di ritardo a destinazione? Puoi chiedere un risarcimento alla compagnia! Continua a leggere l’articolo per approfondire la questione.

Prima di tutto la easyJet Airline Company Limited è una compagnia aerea low cost britannica, conosciuta ufficialmente in tutto il mondo come easyJet.

Quest’ultima ha sede presso l’aeroporto di Londra-Luton (Gran Bretagna) e numerose basi d’armamento sia nel Regno Unito (la maggiore è sull’aeroporto di Londra-Gatwick) che in diversi paesi della Unione europea. In base al numero di passeggeri trasportati, easyJet è la terza compagnia aerea low cost più grande al mondo.

 

Cosa indica la carta dei diritti del passeggero quando si verifica un overbooking su un volo easyJet?

Nel caso si verifichi un overbooking volo easyJet, la normativa comunitaria indica precise forme di tutela per i passeggeri, qualora vi sia un negato imbarco.
Ovvero, la compagnia deve prima verificare se vi siano tra i passeggeri, dei volontari disposti a cedere il proprio posto in cambio di benefici da concordare.

Se non ci sono volontari, il passeggero al quale viene negato l’imbarco, ha diritto a:

  1. 1) € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;
  2. 2) € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;
  3. 3) € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

Oltre alla scelta tra le seguenti tre opzioni:

  • a) Rimborso del prezzo del biglietto non goduto;
  • b) Imbarco su un volo alternativo il prima possibile in relazione all’operativo della compagnia aerea;
  • c) Imbarco su un volo alternativo in una data successiva più conveniente per il passeggero.

 

Quando il tuo overbooking volo easyJet non è risarcibile?

Non è previsto alcun risarcimento a chi:

  • – Viaggia in forma gratuita o ad una tariffa ridotta non accessibile, direttamente o indirettamente, al pubblico (ad esempio i dipendenti delle compagnie aeree, delle agenzie di viaggio o dei tour operator);
  • – Ai passeggeri a cui viene negato l’imbarco per motivi di salute, di sicurezza o in caso di documenti di viaggio non validi.

 

Come ottenere il risarcimento?

Innanzitutto, per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo overbooking volo easyJet.

Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

 

Volo cancellato Vueling? Ottieni un risarcimento

Hai subito un volo cancellato Vueling ed hai sentito parlare della possibilità di poter chiedere un risarcimento alla compagnia in queste determinate situazioni?

Certo che puoi! Continua a leggere l’articolo per approfondire la questione.

Prima di tutto dobbiamo dire che Vueling è una compagnia aerea low cost spagnola di International Airlines Group con sede a El Prat de Llobregat. In totale opera su più di 360 rotte per 155 destinazioni in Europa, Nord Africa e Medio Oriente.

Il suo nome deriva dalla parola spagnola vuelo, che in spagnolo significa “volo”, e dal suffisso inglese -ing, traducibile all’italiano “-ndo”, che viene usato nella lingua anglosassone solitamente per porre i verbi al gerundio, ovvero “volando”.

 

Cosa indica la carta dei diritti del passeggero quando si verifica un volo cancellato con Vueling?

Nel caso si verifichi un volo cancellato Vueling, la Carta dei Diritti del Passeggero indica chiaramente che ogni passeggero ha diritto a ricevere un giusto indennizzo.
Quanto spetta ai passeggeri? Ogni viaggiatore può ottenere:

  1. 1. € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;

2. € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;

3. € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

Tale risarcimento spetta nel caso in cui Vueling non ti abbia avvisato della cancellazione con almeno 14 giorni di preavviso oppure non ti abbia proposto entro 7 giorni dalla data di partenza, un volo alternativo per raggiungere la tua destinazione finale.

 

Se il tuo volo cancellato Vueling è stato causato da circostanze eccezionali, puoi avere lo stesso diritto ad un risarcimento?

Qualora il tuo volo dovesse essere cancellato a causa di eventi eccezionali indipendenti dalla compagnia, purtroppo il risarcimento non è previsto. Ad ogni modo il vettore è tenuto a riproteggerti sul primo volo disponibile o in alternativa a rimborsarti il prezzo del volo non goduto, oltre che a pagare eventuali spese extra sostenute a seguito della cancellazione (hotel, pasti e bevande, transfer da/per l’aeroporto, differenza di prezzo sostenuta per l’acquisto del nuovo volo, ecc.).

 

Come ottenere il risarcimento?

Prima di tutto, per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il tuo volo cancellato Vueling. Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

Ritardo volo Ryanair? Ottieni un risarcimento

Hai subito un ritardo volo Ryanair ed hai sentito dire da altre persone che esiste una possibilità di poter chiedere un risarcimento alla compagnia in queste determinate situazioni?

Hanno ragione, se vuoi approfondire la questione, continua a leggere l’articolo.

Prima di tutto dobbiamo dire che Ryanair è la più grande compagnia aerea low cost in Europa, con oltre 130 milioni di clienti e più di 2.000 voli giornalieri da 86 basi, che collegano 215 destinazioni in 37 paesi su una flotta di 430 aerei Boeing 737.

La low cost irlandese ha un team di circa 14.500 dipendenti e nel 2017 è diventata la prima compagnia aerea europea ad aver trasportato oltre 1 miliardo di passeggeri.

Ma attenzione, non è tutto oro quel che luccica, infatti il vettore irlandese è anche stato nominato per ben sei volte come la compagnia aerea meno amata dai passeggeri in europa, questo a causa dei tantissimi disservizi arrecati ai suoi passeggeri.

 

Cosa indica la carta dei diritti del passeggero quando si verifica un ritardo volo con Ryanair?

In caso di un ritardo volo Ryanair pari o superiore alle 3 ore, il Regolamento Europeo n. 261/2004 indica chiaramente che ogni passeggero ha diritto a ricevere un giusto indennizzo.
Più precisamente quanto spetta ai passeggeri? Ogni viaggiatore può ottenere:

  • 1. € 250,00 di risarcimento per tutte le tratte inferiori o pari a 1.500 km;
  • 2. € 400,00 di risarcimento per le tratte comprese tra 1.500 km e 3.500 km;
  • 3. € 600,00 di risarcimento per le tratte superiori ai 3.500 km.

 

Come ottenere il risarcimento?

Innanzitutto per verificare se la tua richiesta è eleggibile o meno, puoi cliccare su questo link e seguire la procedura guidata sul nostro sito.

Qualora la richiesta sia fattibile, potrai decidere se procedere autonomamente, oppure, sfruttare la possibilità di affidarti a noi, richiedendo un risarcimento per il ritardo volo Ryanair subito. Attivando la tua pratica in pochi minuti e senza correre alcun rischio; inoltre avrai la possibilità di usufruire di un servizio attivo ormai da tanti anni a difesa dei passeggeri.

In ogni caso, siamo a tua disposizione!

Le 4 spiagge più belle del mondo

E’ arrivata ufficialmente l’estate e tra le tante classifiche più famose, non poteva mancare anche quella relativa alle spiagge più belle del pianeta. Proprio per questo, abbiamo preparato una classifica delle 4 spiagge più belle del mondo. Valutazione fatta non soltanto prendendo in considerazione i colori del mare e della sabbia, ma anche la natura circostante, il paesaggio e l’intero contesto.

 

1. Anse Source D’Argent (La Dingue, Seychelles)

Al primo posto abbiamo scelto di premiare la spiaggia di Anse Source D’Argent, nell’arcipelago di La Dingue delle Seychelles, nell’Oceano Indiano; è anche una delle più famose e fotografate al mondo. Enormi massi granitici, brillano in contrasto con il colore dell’acqua cristallina e la sabbia bianca, è senza dubbio la più famosa tra le 4 spiagge più belle e incontaminate del mondo.

 

2. Spiaggia dei conigli, Lampedusa (Sicilia)

Al secondo posto in classifica tra le 4 spiagge più belle del mondo, troviamo una spiaggia situata in una piccola isola a sud della Sicilia: la Spiaggia dei Conigli a Lampedusa. E’ una baia spettacolare, con acque cristalline, circondate interamente da un scogliera molto bassa che accoglie la flora e la fauna tipica del Mediterraneo.

 

3. Grace Bay (Providenciales)

Isola di un arcipelago del mar dei Caraibi, Providenciales accoglie a nostro avviso la terza spiaggia più bella del mondo. Il fascino di quest’ultima risiede soprattutto nelle sue colline frastagliate, tappezzate di piante di fico d’india; ma la carta vincente resta senz’altro il suo paesaggio marino, con chilometri e chilometri di barriere coralline che si possono osservare anche vicino alla riva.

 

4. Whiteheaven Beach (Australia)

Al quarto posto, c’è il paradiso bianco come dice anche il nome, una magnifica spiaggia situata nel Queensland, in Australia, con ben 7 km di costa di sabbia bianca, (grazie all’alta percentuale di silicio, quasi il 98%). Quest’ultimo rende la sabbia di un colore quasi bianco brillante.

 

Questa era la nostra classifica delle 4 spiagge più belle del mondo, tra le quali (senza dubbio), potrebbe anche esserci la vostra prossima futura meta di in una delle vostre vacanze da sogno. Nel frattempo, se già vi abbiamo convinto a prenotare il prossimo viaggio ma vi state ricordando che avete paura di volare e che quindi è meglio lasciar perdere, beh…leggete questo articolo, abbiamo deciso di crearlo apposta per voi.

Vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost

Negli ultimi anni, anche grazie ad internet, è aumentata a dismisura la schiera di persone in cerca di voli low cost, di conseguenza, insieme ad esse, anche i siti che offrono questa tipologia di offerte. Ovviamente i vettori low cost consentono un notevole margine di risparmio, allo stesso tempo però lo spendere poco presenta anche diverse insidie. Ecco una breve lista dei principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost.

 

VANTAGGI:

 

  1. 1.   Abbattimento dei costi

Già la parola “low cost” dovrebbe dirci tutto. Infatti, il costo di tali voli è decisamente contenuto, sono per la maggior parte delle tariffe popolari, studiate per quella fetta di mercato che cerca di spendere il meno possibile per acquistare un viaggio. Fattore principale da prendere in considerazione, quando si vuole fare un ragionamento sui principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost.

 

2.   Prenotare da qualunque posto in qualunque momento

Grazie ad Internet e alla presenza di innumerevoli siti, ogni utente ha la possibilità di comparare, valutare e scegliere tra le tantissime offerte direttamente da casa, senza vincoli di orario o limitazioni.

 

3.   Ampia scelta di destinazioni

L’offerta di destinazioni messe a disposizione da questi vettori, permette a qualsiasi passeggero di raggiungere quasi tutte le principali mete nazionali ed Europee, in alcuni casi anche internazionali.

 

SVANTAGGI:

 

1.   L’assenza di alcuni servizi

“Prezzi bassi” significa perdere alcuni servizi, come il catering, giornali gratuiti e altre comodità che altrimenti sarebbero comprese nel prezzo dei voli acquistati con le compagnie di bandiera. Un altro particolare svantaggio è sicuramente la tangibile diminuzione dei servizi infrastrutturali per gli aerei.

 

2.   Atterraggio in aeroporti secondari

Quando si osservano i principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost, bisogna mettere in conto che quasi sempre, sia la partenza che l’atterraggio avvengono in aeroporti secondari. Quindi si potrebbe aggiungere al budget del viaggio, anche il costo per arrivare nel centro cittadino.

 

3.   Non rimborsabile o cedibile

Altro importante svantaggio di un volo low cost è che, se non si vuol far innalzare la tariffa con un ulteriore opzione, il biglietto è personale, non cedibile a terzi (se non pagando una penale). Quindi se il passeggero è impossibilitato a partire il giorno stabilito nessun rimborso sarà previsto.

 

Questi erano i principali vantaggi e svantaggi del viaggiare low cost; ragionando in termini di paragoni, se si vuole risparmiare qualcosa con il volo, conviene sicuramente prenotare con vettore low cost. Se invece volete avere un servizio completo a 360°, spendendo un po’ di più, scegliete le compagnie di bandiera.

Inoltre per chi fosse interessato, abbiamo preparato anche un articolo sulle 5 città più economiche per viaggiare low cost.

5 consigli per combattere la paura di volare

Molte persone al giorno d’oggi hanno paura di volare e provano ansia al solo pensiero di dover salire su un aereo, questa comunissima paura è anche chiamata con il termine di “aviofobia”. Perciò abbiamo ben pensato di aiutarvi con un articolo dedicato ai nostri 5 consigli per combattere la paura di volare, che potranno senz’altro tornarvi utili.

 

  1. 1.   Arrivare in anticipo in aeroporto

Il giorno del volo cercate di presentarvi in aeroporto con largo anticipo, questo vi permetterà di ambientarvi e fare tutto con calma. Non arrivate in ritardo, così facendo rischiate di accrescere solamente la vostra tensione, oltre che perdere il volo…

 

2.   Preparatevi una playlist su Spotify o film da guardare su Netflix

Potete occupare il vostro tempo in aereo con attività piacevoli: ad esempio ascoltando della buona musica su Spotify oppure guardando uno dei vostri film preferiti su Netflix. Se invece siete poco inclini alla tecnologia, potete comunque leggere un bel libro, che non guasta mai.

 

3.   Informa le hostess

Uno dei nostri 5 consigli per combattere la paura di volare corrisponde anche nel chiedere sostegno ad un assistente di volo, in merito alla vostra “fobia”, quest’ultimo potrà fornirvi una riposta ai vostri interrogativi e sulla sicurezza del vostro volo.

 

4.   Bevi spesso acqua

E’ molto importante cercare di rimanere sempre idratati, bere spesso acqua durante un volo può darvi una mano rimanere tranquilli, evitate tè e caffè: una condizione di stress e di deficit di sonno non può che aumentare la vostra agitazione.

 

Dunque, questi erano i nostri 5 consigli per combattere la paura di volare, applicateli e vi daranno senz’altro una grossa mano. Del resto, cosa c’è di più piacevole che viaggiare e scoprire posti nuovi? Come dite? Non ne siete così convinti? Bene…ecco alcuni Travel Blogger da seguire su Youtube che vi faranno sicuramente cambiare idea.

Travel Blogger da seguire su Youtube

Siete in attesa di prendere il prossimo volo che avete prenotato mesi fà e siete entrati già in modalità turista? Mentre aspettate, potete godervi lo spettacolo offerto da alcuni travel blogger che viaggiano in ogni parte del globo, raccontando su YouTube le loro esperienze a tutto il mondo. Ecco alcuni account di travel blogger da seguire su YouTube.

 

1. Sara Izzi e Timur Tugalev / The Lost Avocado

Lei la “star” di quasi tutti i contenuti del blog, lui il genio che attraverso la videocamera riesce a dare un impronta quasi magica al tutto. Il canale di Sara Izzi e Timur Tugalev chiamato The Lost Avocado è senz’altro un blog di viaggi e lifestyle dove poter trovare guide, consigli e video spettacolari sulle più belle destinazioni del mondo.

 

2. Gabriele Saluci

Travel Blogger e filmmaker con una forte passione per i viaggi, racconta le sue esperienze con un forte desiderio di mostrare al mondo intero la sua visione del travel, con un pizzico di comicità (che si sà), nei video non guasta mai.

 

3. Giorgio Pirola e Martina Califano / In Viaggio col Tubo

Coppia molto affiatata, entrambi architetti, sono considerati più “Travel Vlogger” che travel blogger, i contenuti che presentano al popolo di YouTube sono a dir poco fantastici, promozionali e d’ispirazione per chi ama i viaggi.

 

4. Nicolò Balini / Human Safari

Un ragazzo di 28 anni, con una grande passione per videocamere, droni, lenti e stabilizers, famoso per i suoi divertentissimi vlog, con i quali racconta anche le più inconsuete e spericolate guide di viaggio.

 

Questi sono solo 4 dei tanti account di travel blogger da seguire su YouTube, non vi resta quindi che dare un occhiata ai loro canali e sognare con i loro video. Se invece siete più amanti della fotografia e volete qualche nome interessante, ecco alcuni account di Travel Blogger da seguire su Instagram.

5 aeroporti più trafficati al mondo

Quali sono gli aeroporti dove c’è più affluenza di passeggeri al mondo? Dove milioni di persone ogni giorno prendono un volo o atterrano di continuo? Se siete curiosi di scoprirlo, ecco una classifica dei 5 aeroporti più trafficati al mondo.

 

1. Atlanta, Hartsfield-Jackson

Prima di tutto, si trova a 11 km a sud del quartiere centrale di Atlanta, Georgia, Stati Uniti ed è uno dei 5 aeroporti più trafficati al mondo, se non il più trafficato al mondo per passeggeri dal 1998, e per numero di atterraggi e decolli dal 2005. In grado di accogliere 92 milioni di viaggiatori (252 000 al giorno) e 923.991 voli; molti dei quali sono voli nazionali, interni agli USA.

 

2. Pechino, Beijing Capital International Airport

Situato a 32 km a nord-est del centro di Pechino, è il principale scalo aeroportuale della capitale della Repubblica Popolare Cinese. Nel 2009 ha conquistato il primato per l’aeroporto più trafficato in Asia, in termini di passeggeri. Dallo stesso anno è anche il secondo aeroporto tra i 5 aeroporti più trafficati al mondo, con 73.891.801 passeggeri in transito nel 2010.

 

3. Londra, Heathrow

Situato a 31 km ad ovest dal centro di Londra è l’aeroporto principale della capitale, con 72 367 054 passeggeri transitati nel 2013, rendendolo l’aeroporto più trafficato d’Europa ed il terzo al mondo per passeggeri transitati. Inoltre trasporta più passeggeri internazionali di ogni altro aeroporto nel globo.

 

4. Los Angeles, LA International Airport

Situato a sud-ovest di Los Angeles, nel quartiere di Westchester, a 26 km dal centro cittadino, ricopre un’area di 3.500 acri, circa 14 km². È il principale aeroporto della città e, con i suoi 80 921 527 passeggeri nel 2016, è stato nominato come il quarto aeroporto tra i 5 aeroporti più trafficati al mondo.

 

5. Tokyo, Haneda International Airport

È conosciuto solitamente come Aeroporto Haneda per differenziarlo dall’aeroporto Internazionale di Narita nella prefettura di Chiba. Situato nella zona di Ōta, è uno degli aeroporti principali della zona metropolitana di Tokyo ed è hub di Japan Airlines. Si posiziona al quinto posto nella classifica dei 5 aeroporti più trafficati al mondo, sebbene la maggior parte dei voli siano nazionali.

 

Questa la classifica dei 5 aeroporti più trafficati al mondo, la settimana scorsa vi abbiamo proposto invece una lista dei 5 film da guardare se sei un viaggiatore. Se siete degli amanti del cinema come noi, cosa aspettate a leggere l’articolo? E poi ci lamentiamo che non sappiamo mai quale film scegliere…Buona visione!

5 film da guardare se sei un viaggiatore

Siete amanti dei film ma siete anche degli accaniti viaggiatori seriali? Avete in mente di guardare una pellicola che rappresenti al meglio la vostra passione ma non sapete quale scegliere? Don’t worry…Ecco una piccola lista dei 5 film da guardare se sei un viaggiatore, che potrà esservi utile.

 

1. Il treno per il Darjeeling, Wes Anderson

Tre fratelli americani, che non si parlano da un anno, organizzano un viaggio in treno attraverso l’India alla ricerca di se stessi e per rinsaldare il loro legame. All’improvviso, però, la loro “ricerca spirituale” prende una piega diversa e incontrollabile. Si ritrovano così nel bel mezzo di un deserto con undici valigie, una stampante e una macchina. Inizia per loro un nuovo e inatteso viaggio. E’ decisamente uno dei 5 film da guardare se sei un viaggiatore, che non potevamo non inserire nella lista.

 

2. Un’ottima annata, Ridley Scott

Un uomo d’affari inglese, nell’apice del successo della sua carriera, riceve una convocazione da un notaio provenzale che lo invita ad esaminare il testamento del vecchio zio appena morto. L’uomo era cresciuto con l’anziano, imparando da lui la vita e molto altro. Passati tanti anni, quest’ultimo torna in Provenza e trova, oltre a tanti ricordi, persone del suo passato e nuove figure. Su tutte una figlia illegittima dello zio, (venuta a cercare le proprie radici), ed una affascinante locandiera del paese.

 

3. Vicky Cristina Barcelona, Woody Allen

E’ il più colorato tra tutti i nostri 5 film da guardare se sei un viaggiatore. Vicky e Cristina sono grandi amiche ma hanno un approccio totalmente diverso verso l‘amore. Vicky è una ragazza molto posata ed è fidanzata con un ragazzo molto rispettabile. Cristina invece è sessualmente ed emotivamente disinibita ed è alla continua ricerca della passione travolgente. Le due ragazze decidono di trascorrere un‘estate a Barcellona. Una sera, mentre si trova in un galleria d‘arte, Cristina, incrocia lo sguardo con l‘uomo più intenso e provocante della sala, Juan Antonio, un fascinoso pittore.

 

4. Into the wild – Nelle terre selvagge, Sean Penn

Appena laureato e con un brillante futuro davanti, il giovane Christopher McCandless decide di rinunciare alla sua vita privilegiata per partire all’avventura. Regala tutti i sui risparmi a un ente benefico e parte in autostop verso l’Alaska in cerca di un esistenza a contatto con la natura selvaggia. Lo attendono incontri, esperienze formative e un crudele destino. Da una storia vera tratta dal bestseller di Jon Krakauer. A nostro avviso, il più riflessivo presente nella nostra lista dei 5 film da guardare se sei un viaggiatore.

 

5. Sette anni in Tibet, Jean-Jacques Annaud

La storia di uno scalatore di montagne austriaco, Heinrich Harrer, il quale tenta di raggiungere la cima dell’Himalaya durante la Seconda Guerra Mondiale. Dopo numerose avventure, si ritrova in Tibet e diventa amico del Dalai Lama, conquistando una meta ben più difficile: l’umiltà e la maturità personale.

 

Questa era la nostra lista dei 5 film da guardare se sei un viaggiatore, speriamo vi possa tornare utile durante la vostra scelta della prossima pellicola da guardare.

Se invece siete più amanti dei libri e volete leggere qualcosa che rimanga sullo stesso tema, ecco 5 libri da leggere per chi ama viaggiare, un articolo che potrà senz’altro interessarvi.

Le 4 destinazioni più care del mondo

Quali sono i luoghi dove la vita costa di più al mondo? Se state pensando alle classiche Londra, New York e Venezia, siete fuoristrada! Ecco una classifica delle 4 destinazioni più care del mondo, secondo il programma Worldwide Cost of Living 2018 del settimanale inglese The Economist.

 

4. Oslo (Norvegia)

 

La Norvegia continua ad essere una destinazione d’elite. Basta andare in un qualsiasi bar e vi rendete subito conto che il costo della vita da quelle parti è decisamente proibitivo, (quasi) per tutti. Un semplice caffè espresso costa 44 corone, (4 euro e cinquanta), una birra viene 98 corone (dieci euro), ed un menù veloce in pausa pranzo? 333 corone (34 euro). Oslo è decisamente tra le 4 destinazioni più care del mondo.

 

3. Zurigo (Svizzera)

 

Prima di tutto la Svizzera è molto costosa, pensate che il costo medio d’affitto di una casa a Zurigo è di 1.639,55 euro (1.865,31 CHF), 927 euro più alto rispetto a quello italiano. Inoltre un semplice pranzo o una cena per due (da tre portate), può costare anche 90 euro (100,00 CHF). Invece il biglietto singolo per un trasporto locale ammonta a 2,81 euro (3,20 CHF).

 

2. Parigi (Francia)

 

Il secondo posto di Parigi invece è una conferma, la capitale francese si colloca stabilmente nelle prime 10 posizioni delle 4 destinazioni più care del mondo dal 2003. Mangiare un pranzo completo in un classico bistrot di Parigi, può venire dai 30 ai 50 euro a persona, mentre il prezzo per un hotel, situato in posizione centrale e con delle buone recensioni, parte dagli 80 euro a notte.

 

1. Singapore (Singapore)

 

Singapore è inamovibile. Questa città-stato è in vetta alla classifica delle 4 destinazioni più care del mondo. Basti pensare che una camera doppia in buona posizione e con buone recensioni parte da circa 90 euro a notte. Un chilo di pane costa una media di 3,4 dollari (3 euro) ed il prezzo per un taglio di capelli per le donne è di circa 96 dollari (84,5 euro).

 

Questa la classifica delle 4 destinazioni più care del mondo, ovviamente con i giusti accorgimenti è possibile anche risparmiare in questi luoghi così lussuosi. In ogni caso, se siete invece amanti dei cosiddetti viaggi “low cost”, quest’altro articolo fà al caso vostro!

4 mete da visitare se siete amanti della natura

Siete amanti della natura e state programmando il prossimo viaggio? Avete in mente di stare a stretto contatto con posti suggestivi e surreali ma non sapete dove andare? Ci pensiamo noi! Abbiamo creato una piccola lista delle 4 mete da visitare se siete amanti della natura che vi potrà senz’altro tornare utile in fase di prenotazione del vostro prossimo viaggio.

 

1) ISLANDA

 

L’Islanda è un’isola artica poco popolata, con molti luoghi selvaggi e incontaminati, perfetti per osservare l’Aurora Boreale. Nonostante l’illuminazione pubblica di Reykjavik, le aurore boreali si riescono a vedere benissimo, ovviamente se andate fuori città sono decisamente più luminose.

E’ sicuramente uno degli scenari più suggestivi al quale potete assistere, nonché una delle 4 mete da visitare se siete amanti della natura.

 

2) CASCATE DELL’IGUAZU’

 

Le cascate dell’Iguazú sono un complesso enorme di meravigliose cascate (275 cascate) che nascono sopra il letto del fiume Iguazú e si trovano esattamente al centro di 3 stati del Sudamerica: Argentina, Brasile e Paraguay, inoltre quest’ultime sono state riconosciute Patrimonio Unesco dell’umanità, un vero e proprio spettacolo della natura.

 

3) GALAPAGOS

 

Le Isole Galápagos sono un arcipelago vulcanico dell’Oceano Pacifico, considerato una delle principali destinazioni al mondo per l’osservazione della natura incontaminata. Provincia ecuadoriana, si estende per circa 1000 km al largo della costa del continente. Nelle sue terre remote, vive una grande varietà di piante e animali, alcuni dei quali esistono solamente in questo territorio. Senz’altro una delle 4 mete da visitare se siete amanti della natura che vale la pena vivere.

 

4) LABUAN BAJO E LE SUE ISOLE

 

Labuan Bajo è la porta d’ingresso per i viaggi attraverso il vicino Parco Nazionale di Komodo all’Isola di Komodo e all’Isola di Rinca, entrambi sede dei famosi draghi di Komodo.

Ci sono numerosi punti di snorkeling nelle isole vicino a Labuan Bajo. Le isole Kanawa e Seraya, ad esempio, offrono buoni siti per immersioni e snorkeling.

 

Questa era la nostra lista delle 4 mete da visitare se siete amanti della natura, speriamo vi possa tornare utile durante la vostra scelta per il prossimo viaggio da prenotare.

Se inoltre siete amanti dei viaggi e volete giustificare la vostra insaziabile voglia di viaggiare, ecco un articolo che potrà dare una risposta al vostro dilemma, Viaggiare rende davvero felici: meglio che innamorarsi, sposarsi o avere figli. Una ricerca spiega perché.

5 libri da leggere per chi ama viaggiare

Avete prenotato un viaggio ma mancano ancora diversi mesi alla partenza? La malinconia da viaggiatori vi assale e non sapete come attenuarla? Ci pensiamo noi! Abbiamo creato una piccola lista dei 5 libri da leggere per chi ama viaggiare che vi potrà senz’altro tornare utile.

 

1) Viaggio in Portogallo, José Saramago

E’ la storia di un viaggio nell’affascinante terra portoghese che si trasforma nello spunto per una riflessione sul viaggiare come esperienza fondamentale, nonché sull’uomo-viaggiatore che registra dentro di sé impressioni e frammenti di esistenze, in un percorso conoscitivo e sentimentale che appare inesauribile. Questo è il primo della lista dei 5 libri da leggere per chi ama viaggiare.

 

2) Sostiene Pereira, Antonio Tabucchi

Un momento tragico della storia d’Europa, sullo sfondo del salazarismo portoghese, del fascismo italiano e della guerra civile spagnola, nel racconto di Pereira, un testimone preciso che rievoca il mese cruciale della sua vita.

 

3) Seta, Alessandro Baricco

Racconta la storia di un commerciante di seta francese che, a causa di un’epidemia che colpisce i bachi da seta europei, deve partire per il Giappone, dove vivrà un’esperienza del tutto nuova; senz’altro uno dei più belli inseriti nella nostra lista dei 5 libri da leggere per chi ama viaggiare.

 

4) Nelle terre estreme, Jon Krakauer

Tratto da una storia vera. Nell’aprile del 1992 Chris McCandless si incammina da solo negli immensi spazi selvaggi dell’Alaska. Due anni prima, terminati gli studi, abbandonò tutti i suoi averi e donò i suoi risparmi in beneficenza. Il suo intento fù di lasciare la civiltà per immergersi nella natura. Purtroppo a causa del suo scarso equipaggiamento e mancata preparazione alle condizioni estreme, venne ritrovato morto da un cacciatore, quattro mesi dopo la sua partenza. Accanto al suo cadavere fù rinvenuto un diario che Chris iniziò a scrivere al suo arrivo in Alaska e che ha poi permesso di ricostruire le sue ultime settimane; è il libro più riflessivo della nostra lista dei 5 libri da leggere per chi ama viaggiare.

 

5) Ebano, Ryszard Kapuściński

Una raccolta di fatti, di impressioni, di immagini e di emozioni di Ryszard Kapuscinski, quale corrispondente in Africa per circa trent’anni. L’autore ci riporta, con realismo e umanità, la sua immagine dell’Africa. Rischiando la vita, con mezzi limitati, si addentra soltanto nei quartieri più miserabili e per rotte raramente percorse da europei. Si affianca ai poveri ma anche ai potenti per cercare di spiegare, con la sua intelligenza e il suo acuto senso di osservazione, le dinamiche alla base di tanti penosi avvenimenti come il genocidio in Ruanda.

 

Questa era la nostra lista dei 5 libri da leggere per chi ama viaggiare, speriamo vi possa tornare utile in un modo o nell’altro. Nel frattempo se proprio siete ansiosi di partire e non avete voglia di leggere libri, ecco che potete ricorrere all’aiuto di alcune foto che vi faranno letteralmente sognare. Per questo abbiamo creato anche un articolo sugli account di Travel Blogger da seguire su Instagram.